La differenza tra incenso e mirra

La differenza tra incenso e mirra

È di nuovo quel periodo dell’anno in cui le canzoni delle feste vengono trasmesse alla radio 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e la gente inizia a chiedersi cosa siano, esattamente, l’incenso e la mirra e perché siano regali tanto preziosi. LECO ha inserito questi due oli nel Pegasus BT 4D per scoprirne le differenze.

L’incenso (dall’albero della boswellia) e la mirra (dall’albero della commifora) sono entrambe resine che sono comunemente usate come profumi e incenso e lo sono state per migliaia di anni. Gli oli essenziali estratti da queste resine possono essere analizzati utilizzando la gascromatografia, ed è esattamente ciò che hanno fatto gli scienziati di LECO.

Estendendo l’analisi a una seconda dimensione utilizzando l’analisi GC×GC di Pegasus BT 4D, ancora più informazioni possono essere raccolte dai campioni estratti da queste sostanze. L’analisi GC×GC produce anche intrinsecamente cromatogrammi strutturati in cui analiti chimicamente simili tendono a eluire in bande ordinate attraverso lo spazio di separazione GC×GC. Ciò fornisce il contesto per l’identificazione e consente una rapida caratterizzazione visiva delle classi di composti.

 

Cromatogramma di incenso e mirra

 

Per una ripartizione più dettagliata dell’analisi di questi oli e di come la separazione GC×GC offra un enorme vantaggio nella caratterizzazione e nel confronto di questi campioni, dai un’occhiata alla nostra ultima NOTA APPLICATIVA.

Powered by Translations.com GlobalLink OneLink Software