GCxGC intestazione

GC×GC-ECD/FID

Gascromatografia bidimensionale completa

La GCxGC LECO combinata con i rivelatori a ionizzazione di fiamma o a cattura di elettroni offre la potenza risolutiva di un sistema GCxGC abbinato al nostro software avanzato ChromaTOF® per aumentare l’efficienza e la produttività per i campioni troppo complessi per un sistema di rivelazione a canale singolo. Ideali per le esigenze quotidiane di controllo qualità e produzione, questi sistemi GCxGC offrono tutti gli strumenti necessari per ottenere risultati eccezionali con un pacchetto economico.

Caratteristiche

  • Potere di separazione più elevato per analisi di campioni complessi
  • Il software ChromaTOF® di facile utilizzo fornisce elaborazione delle acquisizioni e funzionalità di reportistica in un unico pacchetto
  • La funzionalità del software di classificazione semplifica l'identificazione dei componenti
  • Sono disponibili i modelli di rivelatore a ionizzazione di fiamma (FID) e rivelatore a cattura di elettroni (ECD)
  • Il modulatore disponibile senza criogeno elimina la necessità di dewar LN2

Nell'analisi GC i composti chimici sono separati dalla loro interazione con la fase stazionaria in una colonna GC. A volte, tuttavia, la separazione non è sufficiente a consentire l'identificazione e/o la quantificazione di tutti i composti. In molti casi di analisi di campioni semplici, l'incapacità di separare due composti su una colonna GC con una fase stazionaria può essere risolta mediante l'uso di una colonna diversa con una fase stazionaria differente. Tuttavia, man mano che i campioni diventano più complessi, la semplice sostituzione di una fase cromatografica stazionaria con un'altra può comportare miglioramenti nella separazione tra alcuni composti, ma anche la perdita di separazione tra altri. In questi casi è necessaria la separazione combinata fornita da ciascuna delle due fasi stazionarie. A differenza delle tecniche limitate come la tecnica di analisi bidimensionale (heart-cutting), la gascromatografia bidimensionale completa (GCxGC) fornisce una risoluzione cromatografica superiore su tutto il campione.

Nella gascromatografia bidimensionale completa (GCxGC) tutto l'analita passa dalla prima colonna alla seconda. I composti eluiti dalla prima colonna cromatografica vengono intrappolati e quindi iniettati sistematicamente nella seconda colonna per ottenere la seconda separazione. Per mantenere la risoluzione cromatografica ottenuta dalla prima separazione, la seconda separazione ortogonale deve avvenire rapidamente. Pertanto è importante che i composti vengano introdotti in questa colonna rapidamente e in una stretta banda cromatografica. Nel sistema GCxGC LECO tutto ciò si ottiene mediante modulazione criogenica a doppio stadio. Con la modulazione criogenica i composti che eluiscono dalla prima colonna cromatografica vengono intrappolati in una zona stretta della colonna, mentre passa attraverso il modulatore. Quando questa zona viene riscaldata rapidamente, i composti intrappolati passano nella seconda colonna cromatografica come banda stretta, consentendo la massima risoluzione possibile nella seconda separazione.

LECO ora offre . Al fine di intrappolare e modulare correttamente gli analiti più volatili di n-ottano (C8 n-alcano), sono necessarie le temperature di modulazione più basse possibili. Raggiungere queste temperature basse richiede l'uso di un criogeno come l’azoto liquido (LN2). Il modulatore LN2 di LECO offre la possibilità di modulare questi analiti volatili. Tuttavia l'uso e la gestione di dewar LN2 in un laboratorio possono essere un ostacolo alla produttività. Il modulatore senza materiali di consumo è, quindi, una scelta eccellente per i laboratori riluttanti ad affrontare la gestione dei dewar LN2 e che non richiede la modulazione di analiti volatili.

« torna al menu dei prodotti

GCxGC-ECD/FID Dettagli

GCxGC ECD/FID

  • Modelli
    1. GCxGC con LN2 Modulatore termico raffreddato

    1. GCxGC con modulatore senza materiali di consumo

Powered by Translations.com GlobalLink OneLink Software